cerca

Lo pseudo dilemma dalemiano

18 Ottobre 2012 alle 19:45

Così D’Alema è uscito allo scoperto e da astuto politicante l’ha gettata là, con sdegno: o Bersani o me a tutto campo. Se Matteo Renzi dovesse vincere le primarie indette dal Pd nel rispetto dei patti, ebbene, D’Alema non ci starebbe e rivendica il diritto di gestire la politica democratica del suo partito, così come crede più opportuno e, della sua “rottamazione” per vetustà d’uso, se ne riparlerà a babbo morto. Ottimo escamotage dell’ottimo Massimo che crede di poter beccare due piccioni con una fava: Renzi se vince le primarie, e la sua rinnovata elezione a vice di Bersani travolto dal giovane Matteo (inter nos, diciamo che D’Alema fa il tifo per Renzi). Se non è zuppa è pan bagnato e il nostro “Massimo Torero” agita la muleta dinanzi al toro Matteo per sviarlo dall’incornata. L’elettorato assiste conquistato, il duello è impari, ma la tifoseria ha già deciso, il toro vince ed il torero, alle cinque della sera, riceverà gli onori della sepoltura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi