cerca

La nuova corsa dei farneticanti

1 Ottobre 2012 alle 14:00

I mentori del professore Monti, alla notizia che potrebbe esserci un Monti bis, hanno esultato e Casini si è precipitato a comunicare, “Urbi et Orbi”, che le sue forze si sarebbero schierate tutte con Monti: Eia! Eia! Eia! Non avrebbe altra chance lo sbandato Pier Ferdinando: il ricordo di un passato ahilui sepolto e il tempo che incalza a passo di corsa. Gianfranco è fuori gioco e obtorto collo si accoda alla processione per il Patrono. L’ex presidente della Cinzano fa il pesce in barile, con lui nessuno cadreghino contrattato. Il Cavaliere gioca a rimpiattino, un po’ come il gatto col topo, sta sornione e attende l’incauto bocconiano alla prima svolta che lo farà deragliare sul rettilineo del Quirinale. Da questi frangenti convulsi non vorremmo che scaturisse fuori “l’uomo della provvidenza”, (Patti Lateranensi – 1929 – Eugenio Pacelli, futuro Papa) già una volta ella ci ha baciati in bocca: con gran disgusto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi