cerca

L'affondatore di Mirafiori

20 Settembre 2012 alle 16:45

Lo sgarbato SIgnor Tod’s resta apatico ai successi Nordamericani del nostro Marchionne, rincara la dose e cura poco i particolari che tuttavia fanno l’insieme. Un modo sui generis di trattare di finanza e pretendere sangue dalle rape. La globalizzazione è ormai una realtà travolgente, tutte le industrie delocalizzano secondo necessità e convenienza, anche il Signor Tod’s ha delocalizzato e nessuno ha avuto da dire sulle scelte logistiche prese nell’interesse sì del padrone, ma soprattutto della produzione esposta al ricatto di un certo sindcalismo ancien regime. Però, però se lo fa mister Marchionne, apriti cielo! L’apolide della FIAT vuole portarsi altrove la produzione delle auto italiane (non più FIAT) per sottrarsi alle angherie che un certo sindacalismo esercita con sadico masochismo. “A Detroit si gongola, A Mirafiori si piange. Vado a Detroit”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi