cerca

Giudici legibus soluti

21 Agosto 2012 alle 18:10

Il caso del Tribunale del Lavoro di Santa Maria Capua Vetere, che, "per meriti sportivi", ha compensato per metà le spese del giudizio in favore di un lavoratore che aveva perso la causa nei confronti del suo datore di lavoro, è emblematico. Emblematico di come i Giudici italiani, piuttosto che servi della legge, si sentano legibus soluti. La legge, quella a cui tutti i magistrati si dovrebbero sentire soggetti, dispone (art. 92 c.p.c.) che il giudice può compensare in tutto o in parte le spese del giudizio solo per "gravi ed eccezionali ragioni" ed ecco che spuntano i meriti sportivi. Ottimo precedente, domani ci sarà un giudice che compenserà le spese perchè la parte soccombente sa cantare tanto bene o ha degli splendidi occhi azzurri o, più semplicemente, è tanto simpatica! E noi cittadini diventiamo sempre più sudditi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi