cerca

Il mercato è jazz

11 Agosto 2012 alle 11:30

Come fa notare Franco Fayenz, il nuovo che avanza raramente è meglio del vintage. Non solo nella musica, rock o jazz che sia, e ciò si ripercuote sulle vendite , quindi sul mercato. Senza surplus di creatività nonchè di voglia di fare resteremo fermi. E siccome il surplus non si vede neanche con il cannocchiale l'unica chance è difendersi strenuamente. Personalmente nello sport mi piace chi attacca, sempre a rete a tennis, il calcio totale, chi corre in testa nell'atletica e nel ciclismo, ma se i giocatori sono alla frutta è meglio agire di rimessa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi