cerca

Sulle note della "concertazione"

10 Agosto 2012 alle 14:15

Il bello, il brutto, il cattivo, è la trilogia dell’euro in feta-western, per ora. Ma non c’è da stare allegri, la sporca troika nord-europea sta affilando i denti per affondarli anche al di qua del Tevere. La verità è che finiti i bagordi, il risveglio per il sud dell’Europa è traumatico. Con l’Italia, anche perché paese fondatore, sono andati sul soft: hanno imposto un cerbero di casa nostra nella speranza che la banda del buco capisse. Speranza vana. Monti aveva provato con il "do it!", ma tutti hanno cominciato a farsi venire mal di pancia. Adesso sembrano decisi ad aspettare Poul Thomsen. I pianti di Atene erano in perfetto inglese. Thomsen non si è fatto per questo intenerire: “Non c’è nessuna negoziazione con il governo greco” è stata la risposta. Da noi l’inglese si mastica male. Ed è una benedizione, perché la parola magica sarà per tutti "concertazione". C’è solo da sperare che l’interprete capisca che si tratti di un invito alla Scala.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi