cerca

La strage di ebrei

20 Luglio 2012 alle 15:00

Diciamocela tutta. C’è un settore di ideologia islamista secondo il quale l’ebreo è un sub-uomo. Non Israele, non il governo politico, ma l’ebreo in quanto tale meritevole della non esistenza non per ciò che fa, che pensa o che dice, ma perché ebreo. Da sopprimere ovunque si trovi, anche al di fuori dei confini del suo conteso stato. E non si tratta di razzismo. E’ un furore omicida che lo travalica. Un odio che parte in radice da semiti rivolto verso semiti. C'è qualcosa di cainico in quello che abbiamo sotto gli occhi, qualcosa che si lega al ruolo storico del popolo eletto sull’altare della storia, qualcosa che sta dilagando complice l’assuefazione e l’indifferenza di molti settori di opinione d’Europa e d’occidente in affanno su contingenze immediate di casa propria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi