cerca

Berlusconi e l'elite

16 Luglio 2012 alle 19:00

Se Berlusconi ridiscende in campo per cambiare i connotati al Pdl e poi lascia la guida ad un altro, l’operazione ha un senso. Il recupero, comunque tardivo, di quello che ogni formazione politica deve avere: un’elite in grado di succedere al vecchio leader. In caso contrario penso sia un errore da aggiungere ad una lista piuttosto lunga. E’ certa la sconfitta del centro destra alle prossime elezioni, non fosse altro perché la sbandierata meritocrazia vale anche per chi ha governato. Suggerirei a Berlusconi di puntare veramente, anche se i tempi e la volontà sembrano non esserci, sul semipresidenzialismo a doppio turno. Almeno per un motivo: con il porcellum sono le coalizioni improduttive che vincono, con grave danno per gli Italiani. Un conto è il Pd che governa da solo, un conto è Vasto o simili. Probabilmente non se ne farà nulla perché al Pd interessa una coalizione che vince e non governa, esattamente come al Pdl attuale. Tuttavia si può dare battaglia su questo aspetto, e se voteremo col porcellum, pazienza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi