cerca

Aria pesante

12 Luglio 2012 alle 10:00

Il Pdl non è un partito di innovatori né tantomeno liberale. Questo è il suo problema. Nessuna iniziativa per traghettare il partito oltre Berlusconi, da troppo tempo a questa parte, rende necessario ciò che non era auspicabile. Il ritorno di Berlusconi riporterà le lancette del tempo al 2011. Sonora sconfitta senza di lui. Si dice. Sarà sicuramente sconfitta con o senza il Cav., punto più o punto meno. Ma la vera sconfitta sarà il ritorno a situazioni da guerra civile con gli inevitabili arroccamenti dell’una e dell’altra parte. Un suicidio annunciato e questa volta definitivo per tutti. Io non voterò Pdl, decisione presa in occasione della liberalità dimostrata nel decreto “liberalizzazioni”. A tutto c’è un limite. Spero nella discesa in campo di formazioni liberali e anche conservatrici (possibilmente vere) non responsabili degli avvenimenti da un decennio a questa parte. Spero nella discesa in campo di Monti, nonostante il suo niet, come papa nero di Casini e Bersani. Un Pd sganciato da Idv e Vendola è molto meglio di nulla e certamente meno pericoloso di Vasto. Tiferò per quella formazione anche se non la voterò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi