cerca

Squinzi e il tiro scorretto dello spread

10 Luglio 2012 alle 15:00

Squinzi corregge il tiro: aveva definito la nuova legge sul lavoro una "boiata". E Monti a redarguirlo perché obiettare sull'operato di questo governo ingrassa lo spread. E tutti a difendere Monti, compreso un giornalista dell'Espresso (sentito in tv) a rafforzare l'idea che più boiate contro il governo Monti corrispondono a più spread e più fallimento dell'Italia. Quando le sparate su Berlusconi le faceva e le ripeteva la Marcegaglia tutti con la Marcegaglia e il tiro mai lo correggeva, ma lo affinava.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi