cerca

Pubblico impiego

9 Luglio 2012 alle 19:30

Ma mortificando e frustrando vieppiù il "pubblico impiego" cosa si vuole ottenere? Se in un ufficio pubblico dove lavorano, forse è più di moda dire stazionano, dieci persone e se ne mandano via in pensione anticipata due, ed ai restanti si dice"restate lì e non sarete mai promossi e non avrete più aumenti di stipendio, anzi, vedremo di togliervi qualcosa", cosa si ottiene? Che quell'ufficio funzionerà come un cronometro svizzero o che le pratiche lì languiranno come e/o più di prima? L'"apparato pubblico" è il cuore del paese e a me, umile spettatore, sembra che i "professoroni" stiano pigliando un'altra cantonata: bisogna migliorare il servizio, non ucciderlo. Non c'è da inventare niente, basta vedere come si fa in Francia, Inghilterra, Germania... E cercare di imitare. Questi sono provvedimenti di bassa e volgare demagogia che peggiorano la situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi