cerca

Zarate e l'omofobia

6 Luglio 2012 alle 12:00

Gentile sig. Baraldellotti, mi perdoni la franchezza, la risposta alla sua domanda è ovvia. Esiste ovviamente, come per tutti i fatti del mondo, una ragione anche per il fatto che "frocio" sia un insulto molto più bruciante di "pippaiolo". E' la stessa per cui Zarate ha usato quella parola e non l'altra. La stessa per cui il pippofobo non esiste, invece l'omofobo sì. La stessa per cui i froci non possono sposarsi, e i pippaioli possono. La stessa per cui i froci sono stati infilati nei forni, mentre i pippaioli ce li infilavano. Questa ragione, quale essa sia, giusta o sbagliata, faccia lei, spiega la differenza fra froci a onanisti. E in particolare perchè i primi sentano il bisogno di riunirsi in orgogliosa minoranza, come non a caso negri ed ebrei, altri insulti da stadio. Chi non è insulto da stadio invece no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi