cerca

L'incoerenza dei partiti e sindacati

4 Luglio 2012 alle 19:00

Sul balletto della spending review si registrano paginate e paginate. Naturalmente spicca l'incoerenza di partiti e sindacati. Prima si annunciano elinianzioni di sprechi e privilegi, poi i tagli riguardano la solita sanità (la macelleria sociale), almeno nell'annuncio, gli statali, e via dicendo. Gli enti inutili continuano ad imperare, mi riferisco alle province e addirittura per consolarci arrivano le "città metropolitane". Proprio per queste città, nel 1992, si parlava di miliardi e miliardi di spesa. A questo punto occorre coerenza, in primis nella fila del centro destra, che predicano bene e razzolano male, lo stesso il terzo polo e così pure il Pd, poi ci metterei sindacati e Confindustria. Insomma cerchiamo di essere seri e smettiamola di difendere uffici periferici che non hanno senso, personale in esubero e così via. Se bisogna tagliare sprechi ed eliminare privilegi occorre agire e basta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi