cerca

Spending review: siamo alle solite

3 Luglio 2012 alle 11:30

Riguardo la spending review, siamo alle solite: il governo Monti è forte con i deboli e debole con i forti. Tagliare va benissimo, ma come mai gli stipendi e le pensioni d'oro dei dipendenti pubblici non si toccano? Insomma, dobbiamo tenerci un capo della Polizia più pagato del capo dell'Fbi e uno stenografo che prende più di Napolitano. Ancora una volta, a pagare saranno i soliti mentre gli strapagati (con i soldi nostri) saranno salvi. Ancora una volta, i tecnici mi hanno deluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi