cerca

Il lavoro come identità

29 Giugno 2012 alle 19:30

il lavoro non è un diritto? Lo sapevamo già. Il lavoro te lo devi guadagnare? lo sapevamo già. Cosa dice di nuovo questa signora? Niente. Ma esacerba gli animi e aizza le folle contro di lei. Personalmente sono riuscita a fare il lavoro che volevo fare ma step by step. Il raggiungimento dei miei obiettivi è stato faticoso, molto faticoso. Ho dovuto navigare controcorrente, la corrente del conformismo e del pregiudizio. Ho dovuto fare i conti col fatto di essere donna, di essere del sud, di provenire da una famiglia povera che non aveva in alcuna considerazione la cultura. Per fare il mio percorso ho dovuto spendere tre, quattro volte l'energia che altri spendono. Il ministro dovrebbe proficuamente rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono alle persone dotate e motivate di accedere alla realizzazione del proprio potenziale. Ma questo è già scritto nella Costituzione. Il ministro dovrebbe fare uno sforzo per calarsi nei panni altrui e tenere a freno il suo masochismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi