cerca

Ma siamo diventati matti?

11 Giugno 2012 alle 14:00

Io capisco la pressione dei media (e specialmente quella di trasmissioni televisive specializzate nel trovare "esperti che esperti non sono, ma che dicono quello che attrae maggiormente l'audience") e capisco anche che tutti noi desidereremmo vivere in un mondo in cui tutto, anche i terremoti, sia riconducibile sotto il nostro controllo. Purtroppo credo che non sia così. Purtroppo, per quanto ci piaccia illuderci di poterla violentare e/o domare, credo che la natura segua la sua via nella quale noi, al massimo, siamo comparse di fondo scena. Ma, nonostante questo, mi sembra "pazzesco" che qualcuno (che dovrebbe appartenere alla casta dei "tecnici") se ne venga fuori con affermazioni che generano articoli del tipo "Allarme Grandi rischi: possibile forte scossa" (titolo che, purtroppo, è apparso veramente). Indipendentemente dal fatto che anche uno sprovveduto come me (non sono un geologo) è un grado di capire che, ancora per un po', ci saranno altre scosse, e magari anche qualcuna "un po' forte", nella zona compresa, in senso lato, tra gli appennini modenesi e le Alpi centrali, che bisogno c'è che qualcuno scriva (con tanto di circoletto rosso sulla mappa) che ci sarà un "probabile sisma nel ferrarese". Qualcuno si rende conto di quale panico, nel ferrarese, possa generare una notizia del genere (apparsa su una testata sicuramente importante e, fino ad ora, "credibile")? Ma questo giornalista (che spero sia un poveretto alle prime armi che cerca di emergere), ce l'ha un capo che controlla quello che viene pubblicato? Ma siamo diventati matti?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi