cerca

Tenere da conto i conti, ma di chi?

5 Giugno 2012 alle 19:00

Il Direttore chiude la sua analisi con una domanda, retorica: "Si rendono conto o no che un governo nato a Vasto e un’opposizione sfilacciata e imprudente, con un centro opportunista e incapace di leadership, sono una sciagura politica finanziariamente insostenibile per debito e moneta?”. Certo che se ne rendono conto, ma non hanno o non vedono alternativa al “tenere da conto i loro conti”. Il più imperativo è quello della sopravvivenza del modello che si sono dati. Il buffo è che si sbudellano per ghermire un potere fasullo che non permetterà di governare. Ma chi ha detto che il loro interesse autentico sia quello? Sarà mica che l’interesse autentico sia in realtà, solo quello di “tenere da conto i loro conti?”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi