cerca

Stanarla dal bunker

5 Giugno 2012 alle 09:00

Il rigore richiesto dalla Merkel è giusto ma è insopportabile, nel senso che non si riesce a sopportare perché ti schianta, ti fa morire, non perché sia solo antipatico. I leader europei, un po’ tutti, hanno cercato di assecondarla, perché qualcosa indubbiamente c’era da fare, e qualche importante correzione è stata fatta. Perché dunque la cancelliera insiste con il rigore, con le cure da cavallo da propinare a bestie che cavalli non sono ma piuttosto modestissimi pony ? Insiste con la Grecia, insiste con la Spagna, insiste con noi italiani. Sappiamo bene perché, abbiamo imparato a far di conto prima dei tedeschi e sappiamo bene il tornaconto dei tedeschi dov’è. Piuttosto chiediamoci come, in qual modo, esercita questa insistenza . Lo fa con convinzione, costanza e determinazione uniche, ma anche con insensibilità e cinismo. E lei, Angela, le ha tutte queste cose, qualità e disvalori ad un tempo solo. Queste caratteristiche, si possono acquisire anche senza un particolare percorso di studi, basta volerle per sé. Non sono appannaggio dei soli tedeschi. Bene, è ora di dire a chiare lettere che gli accordi europei sulla moneta unica sono stati possibili in uno scenario di democrazia più o meno rappresentativa; che i rapporti tra i partecipanti dell’area dell’euro non possono non essere democratici e paritari, laddove le differenze tra le singole economie sono state già scontate nei rapporti di cambio a suo tempo stabiliti; che la medicina deve essere quella giusta altrimenti, insieme, Grecia, Italia, Spagna, Portogallo, all’unisono e non in ordine sparso, dimostreranno di avere pari convinzione, insensibilità e cinismo e andranno determinati alla meta. Che è ben chiara. Nessuno può essere sicuro del proprio bunker, per quanto protetto possa essere. La storia e un altro bunker ce lo insegnano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi