cerca

Spaccio radicale/2

30 Maggio 2012 alle 21:15

Gentile sig. Alessi, devo ringraziare il suo stupefacente intervento per avermi scosso dalla torpidità per informarmi sull'interrogazione dell'on. Turco. La quale non contiene una parola di quanto lei dice, e chiede legittimamente al governo se il sig. Paolo Gabriele sia un cittadino italiano (non ci avevo nemmeno pensato) e, nel caso, se ritenga di dover prendere informazioni da qualche fonte non giornalistica. Mi sono reso conto della differenza che passa tra l'arresto di un cittadino in Vaticano o in una qualsiasi altra parte del mondo. E mi sono reso conto, con un certo stupore, di quanto questo sembri normale perfino a me, fino a quando qualcuno - grazie ancora - me lo fa notare. Sarebbe veramente ora di decidere come dobbiamo considerare quel sarchiapone che, a seconda delle convenienze, è uno Stato Sovrano, una Religione Istituzionale, una comunità di fedeli, un Corpo Mistico, oppure (come ci bombarda da marzo a giugno una furbastra pubblicità) una organizzazione filantropica. Perchè se è uno Stato Sovrano, allora chiedere informazioni è il minimo dovere d'ufficio. Le altre entità non dovrebbero poter eseguire arresti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi