cerca

Occorre autocritica

22 Maggio 2012 alle 21:00

Leggo la Padania del 22 maggio e mi sembra che nulla sia accaduto in casa Lega, a parte un'apparente voglia di rinascita. Premetto che la mia non vuole essere una polemica ma un incentivo a fare autocritica sacrosanta, senza della quale nessuno può andare avanti nella vita. Penso che soltanto La Padania sia davvero al corrente delle vicissutidini della Lega Nord, ma il fatto di essere l'unico quotidiano odierno ad astenersi dal commentare i sette ballottaggi perduti completamente dalla Lega penso sia raro e pericoloso per il futuro della stessa Lega. Qui significa che qualcosa non va, che non soltanto alla Lega è stato gettato fango per screditarla ma che purtroppo c'è dell'altro e molto corposo. Parlo del venire meno alla caratteristica inconfondibile di fondo che contraddistingueva il movimento dagli altri partiti: vale a dire, l'onestà. La gente e i suoi sostenitori se ne sono resi conto e si sono astenuti se non traditi, feriti nell'animo e nello spirito. Pertanto, credo che qualunque rinascita e rinnovamento interno non riporterà mai indietro la fiducia e la stima riposta nella Lega da parte dei suoi più stretti militanti. Mi auguro di sbagliarmi, ma in questo momento gli italiani hanno dimostrato di volere un cambiamento e pulizia all'interno dei partiti. Caso a parte è costituito dal capoluogo ligure, una realtà a sé stante molto difficile da comprendere. Mi auguro che in futuro i dirigenti della Lega si rendano conto della vera e mera realtà e che con coraggio e limpidizza affrontino i propri sostenitori, altrimenti penso li perderanno uno per uno.-

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi