cerca

Mandateli a casa

18 Maggio 2012 alle 07:00

Mandateli a casa prima che finiremo come la Grecia! Più tempo passa e più i professori non sanno... professare un tubo! Lo spread vola verso la stratosfera, l'euro sprofonda nel baratro più profondo, le tasse aumentano giorno dopo giorno, la benzina fra poco costerà quanto lo champagne Dom Pergnon, il carrello della spesa è salito veriginosamente, le pensioni sono rimaste ferme nonostante l'inflazione,l'IMU sta facendo più vittime del colera, l'aumento dell'IVA, la nuova Irpef dei comuni etc. non basterebbe questo spazio per elencare tutte le malefatte dei professori che non sanno... professare. Mandiamoli a casa! Indiciamo nuove elezioni, mettiamo al governo gente anche senza laurea, chiunque altro saprà fare meglio dei bocconiani e compagni, ridiamo alla politica, a quella vera, il compito di amministrarci, mandiamo, insieme ai professori, a casa i nostri vecchi politicanti che sono a tappetino con Monti, diamo gli otto giorni a Monti anche se produrremo dolore a Casini, la sua collaborazione ci ha portato allo sfacelo completo. Mi chiedo: ma non era colpa di Berlusconi! Bel paravento per nascondere l'incapacità del governo di amministrare il paese! La Spagna, la Grecia, il Portogallo ed altri a venire, non hanno dato e non daranno spazio ad un governo di tecnici,l'unica soluzione è quella di dare la parola alla gente con nuove elezioni, peggio di come ci siamo ridotti non ci ridurremo. Mandiamoli a casa prima che sia troppo tardi!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi