cerca

Da Rocky a Brooklyn's finest il declino dell'Occidente

18 Aprile 2012 alle 15:00

La crisi finanziaria che ci affligge e non è la malattia peggiore che dobbiamo fronteggiare. La minaccia più grande è il cinismo in cui è collassato l'individualismo del self made man. L'altra sera su Rai 3 è andato in onda "Brooklyn's finest", film del 2009 che racconta le vicende di 3 poliziotti del 65 distretto di Brooklyn. Ad Eddie mancano 7 giorni alla pensione. Ha dato 22 anni della sua vita alla polizia. Non è stato un gran poliziotto. Il suo cinismo verso il lavoro è tale da fagocitare anche la sua visione della vita. Non ha progetti per il futuro. Non ha costruito relazioni con il prossimo eccetto con una giovane prostituta. Sal è un poliziotto della squadra antidroga. Vive in un casa troppo piccola per i suoi due bambini e sua moglie incinta di due gemelli. Vuole portarli in una casa più grande ma non ha il denaro necessario. Mette a repentaglio la sua vita nei blitz nei covi di spacciatori cercando di recuperare il denaro che gli serve sottraendolo illegalmente. Tango è un poliziotto che da più di un anno lavora sotto copertura e che per questo motivo ha compromesso il suo matrimonio. L'epilogo è tragico. I protagonisti di "Brooklyn's finest" sono persone sole che il sistema spinge ai margini della società che devono difendere. Le relazioni umane che sono le radici con cui gli uomini, piccoli fiori sul giardino del mondo, stringono, sono spezzate dal disincanto. Questi protagonisti sono lontani dal Rocky del 1976. Anche lui di Brooklyn, un poco di buono che viveva di espedienti, ma che nella palestra di boxe, in Mickey, moderno Mangiafuoco, aveva trovato un punto di riferimento. Rocky lanciava un messaggio positivo, quello del sogno americano che poteva essere ottenuto a patto di saper incassare i colpi dell'avversario come della vita. A patto di rimanere in piedi al gong dell'ultima ripresa. Quell'America dopo 23 anni ha smarrito quella forza lasciandoci tutti senza guantoni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi