cerca

Svolta nelle riforme

16 Aprile 2012 alle 17:00

Sempre contro questo governo! Ma anche contro i politicanti incapaci e ladri che ci hanno accompagnato sull'orlo dell'abisso preparato dall'andazzo globale nel quale eravamo immersi. Vogliamo o non vogliamo evitare di sprofondare nell'abisso? Poiché non esiste la bacchetta magica, è evidente che bisogna fare uno sforzo: in cinque mesi questo governo ha fatto quanto non è stato fatto in cinquant'anni dai politicanti di mestiere. Certo, hanno prodotto provvedimenti lacrime e sangue per la gente comune. Ora bisogna passare a costruire le basi per la ripresa: eliminare enti inutili e l'ancora più inutile ente per eliminarli. Solo le province costano non ricordo più quanti miliardi l'anno. Semplificare l'elefantiaca burocrazia, la cui incapacità e corruzione ormai è riconosciuta da tutti. Impegno nella scuola e nella ricerca. Eliminazione degli sperperi in una sanità da decenni fuori controllo: non facendo dei medici dei burocrati, ma rendendo “giusta” la burocrazia dalla quale è sostenuta. Ma, prima di tutto, bisogna iniziare dalla rifondazione del sistema GIUSTIZIA, che non deve più fondarsi sul giustizialismo, ma sul perseguimento dell'ordine sociale, senza invadere campi diversi (politico, legislativo, mediatico). Ma bisogna sbrigarsi, perché tutto richiede molto tempo. E ci vogliono generazioni per far maturare il popolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi