cerca

Commissioni e denaro pubblico

13 Aprile 2012 alle 18:30

E’ andata come doveva andare. Il pubblico denaro dato ai partiti non sarà toccato. Ci sono altri mezzi per tappare le enormi, incolmabili falle. Le tasse. Ma ci sarà un severo controllo; una Commissione di Personaggi di grande statura culturale e morale. Viene in mente la “Commissione Giovannini” che ha deposto le armi con onore per loro e vergogna per noi tutti. Si sono arresi davanti all’insormontabile, inestricabile, e quindi irriducibile, “paga” dei parlamentari. Aveva, dunque, ragione un grande Personaggio (la mente mi tradisce probabilmente) forse Napoleone, quando disse che se Dio non avesse voluto creare il Mondo avrebbe affidato la Creazione ad una commissione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi