cerca

Dobbiamo prendere sul serio le regole di Maroni?

12 Aprile 2012 alle 11:30

Di tutta la bufera concreta e mediatica sulla Lega di questo momento culminata con la serata delle "ramazze" a Bergamo vorrei soltanto estrapolare un messaggio a me arrivato da parte di Maroni attraverso le sue parole ed un concetto che riterrei molto significativo: una nuova ripartenza e magari una nuova leadership che ho interpretato grazie ad un messaggio molto politico e criptico e fatto di 4 regole nuove sciorinate di fronte ad una immensa folla quasi a volerle far passare inosservate ma a mio avviso toccanti e lungimiranti. - soldi alle sezioni e ai militanti - meritocrazia - largo ai giovani - fuori chi viola lo statuto ed il codice morale della Lega Queste sono le regole dettate da Maroni, unità indiscussa a parte. Regole che finalmente farebbero parlare soltanto di serietà e di lavoro dando ancora maggiore credibilità al movimento. Mi auguro che il consiglio federale possa decidere al meglio per le sorti della Lega anche perché i giochi delle amministrative saranno stati fatti e sarà sicuramente opportuno rimboccarsi le maniche per le prossme politiche. Bisogna pensare solo al nostro senso del dovere ed al futuro dell'Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi