cerca

Titolo di studio certo, lavoro araba fenice

2 Aprile 2012 alle 09:00

Tutti i media danno voce a politici e affini che continuano a spingere affinchè i nostri ragazzi continuino a studiare, diploma, laurea, master e chi più ne ha più ne metta. Ma poi il lavoro a chi? Agli extra comunitari che continuano ad aprire esercizi commerciali, che la fanno da padroni nel settore edile, sulle bancarelle dei mercati da loro gestite, per dirla in breve tutti quei lavori manuali o comunque di grande impegno sia di tempo che fisico. E non crediate che detti lavori corrispondano a piccoli stipendi, a Milano si è sempre detto: "Mesterasc, danerasc" ed è vero. Ma possibile che si vogliano tutti laureati, se mai acculturati per il piacere della conoscenza, per saper scrivere e parlare, per non essere messi nel sacco da chi ne sa di più, ma laurea non fa rima con lavoro, ne tanto meno con guadagni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi