cerca

La riforma del condominio

19 Marzo 2012 alle 18:22

La riforma del condominio che, per la sua definitiva approvazione sarà discussa dalla Camera dei Deputati il prossimo 26 marzo, prevede una più efficace gestione dei condomìni riducendone i costi e la litigiosità. Detta legge consente , fra l’altro, che il singolo condomino possa rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento con l’ obbligo di pagare le sole spese di manutenzione straordinaria dell'impianto per la sua conservazione. Ciò pone fine ad annosi contenziosi dovuti proprio alla dubbia interpretazione della normativa vigente. Al riguardo ricordo che più di due anni fa detta riforma sembrava già in dirittura d’arrivo in quanto ritenuta, da tutte le forze politiche, necessaria ed urgente. Intanto mentre il Legislatore sonnecchiava, la Cassazione , nel tempo, con varie sentenze ha contribuito al cambiamento dei rapporti fra condomini ancora regolati sostanzialmente dal codice civile con normative superate che risalgono a settanta anni addietro. Insomma il legislatore lento è stato sostituito da un altro potere: quello giudiziario, peraltro anche esso noto per i suoi tempi biblici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi