cerca

Non fidarti dell'uomo bianco

15 Marzo 2012 alle 09:00

Lunedì Leon Panetta, ministro della difesa USA, nel corso di un programma tv ha spiegato il suo modo di vedere le cose in Afghanistan. Ed è stata una ulteriore prova (qualora ce ne fosse stato bisogno) della presunzione degli statunitensi. E uso “presunzione” per non attaccare troppo a fondo. Ha detto tra l’altro Panetta: “Poco importa cosa pensano dei nostri soldati gli afghani. Gli Stati Uniti sono in quella zona della terra per difendere i propri interessi” e via di questo passo. Quali ineressi è venuta voglia di chiedere. Ma è inutile, questa nazione crede e ha sempre creduto di essere il guardiano del mondo. Va dove accadono cose che non piace a Washington. “Dobbiamo salvaguardare i nostri interessi” dice Panetta. E’ incredibile. Ma dimostra anche il modo di pensare di questo popolo. Difende i propri interessi soltanto quando si tratta di nazioni povere. Vedi un po’ se dice “difendiamo i nostri interessi in Israele”? Oppure in Inghilterra o Francia. Una volta un ambsciatore americano all’Onu disse: “Difenderemmo i nostri interessi in modo inequivocabile se i comunisti prendessero in mano il futuro dell’Italia”. Cerchi di capire ma ti accorgi che i pellirosse avevano ragione: “Non fidarti dell’uomo bianco”. Tanto è vero che “rubarono” con la forza tutti i territori che erano stati degli indiani-americani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi