cerca

Ciao Lucio, brezza leggera che ci accompagnerà per sempre

5 Marzo 2012 alle 18:00

Sovente, le celebrazioni postume, appaiono come un retorico gesto dovuto ma, in alcuni casi, le parole escono da sole, forse per attenuare il dolore del pugno nello stomaco che ricevi quando un Angelo della musica ci lascia, facendoci rivivere con le riproposizioni delle Sue melodie, quelle vibrazioni delle corde più profonde dell’anima che rendono lucidi gli occhi senza volerlo fare; soprattutto quando sei solo e non vuoi dare spettacolo di sensibilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi