cerca

Il vantaggio secondario del sintomo

1 Marzo 2012 alle 10:15

C’è crisi? Altro che, se c’é la crisi. La riduzione dei consumi è evidente. La cautela alle spese è alle stelle. Si risparmia? Altro che, se si risparmia. Braccino corto per tutti. E solo e soltanto offerte ed happy hour. Ma c’è di più. C’è anche un’aria frizzantina in giro che mi piace assai. Un’arietta pulita che oggi mi fa sentire un re, quando - sino all’altro ieri - ero trattato e disprezzato come l’ultimo dei sudditi. Gli è che i giardinieri ti fanno i preventivi nella stessa giornata in cui li hai richiesti. E i prezzi sono sorprendentemente misurati. Le ditte di pulizie ci danno giù di gomito, a spazzare e lucidare, come mai le avevo viste in vita mia, dato che le fila per conquistarsi l’appaltino, pure per quel condominio di quattro gatti che è in periferia, è lunga metri e metri. Il fabbro è gentile e sensibile: mi telefona lui per sapere se sia andato via quel filino di ruggine sulla ringhiera appena verniciata che mi irritava alquanto. Siamo arrivati al punto che al supermercato se chiedi uno sconto al banco del pesce… te lo fanno. Insomma, sorrisi, sospiri, complicità e tanti “buona sera signore, a presto e se ha altre cose da farmi fare mi chiami che arrivo subito, è un piacere lavorare con lei”. E ho come la sensazione – ma forse qui sto allargandomi nel delirio – che i prezzi scendono. O sono almeno umani. Il valium di Monti vuoi vedere che ha colpito anche le categorie che “si, va bene, vengo tra un paio di settimane. Arrivo tra le 9,00 e le 18,00. E stia a casa, che sennò perde pure la priorità acquisita!”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi