cerca

No violenza anziché no tav

29 Febbraio 2012 alle 20:15

Mi auguro che il capo No Tav riesca a riprendersi perché la cattiva salute o peggio non si augura mai a nessuno. La vita umana è una cosa sacra. Ma proprio per questo motivo non dovrebbero esistere tentazioni come i no global, i no tav e quant’altro significhi anarchia e violenza, come non dovrebbero esistere partiti o persone che difendono a spada tratta realtà assurde e ignobili come quelle descritte. La vita umana è sacra, ma di tutti, non solo di una parte di persone, è sacra la vita dei poliziotti che di certo non aizzano i giovani a salire sui tralicci dell’alta tensione, è sacra la vita di questi giovani che non devono in alcun modo essere difesi ed appoggiati per creare appositamente disordini, incidenti e manifestazioni come quelle che si sono create nella serata dell’incidente fatidico. Incidente che una volta o l’altra doveva accadere tanta è la violenza perpetrata da questi poveri giovani passivi, in balia degli eventi e di chi li spinge alla cattiva educazione e a meschini comportamenti. E’ questo che si insegna ai nostri ragazzi? E le istituzioni cosa ci stanno a fare? Tali pensieri mi sembrano così ovvi da non doverli neppure pronunciare. Al contrario, siamo ancora qui a disquisire dei no tav anziché andare avanti con le opere pubbliche e difendere la vera democrazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi