cerca

Non si può uccidere la speranza

15 Febbraio 2012 alle 15:45

Ieri pomeriggio, io nato e sempre vissuto a Roma ho scritto un commento fortemente negativo riguardo la candidatura di Roma per le Olimpiadi 2020. Poi mi ha telefonato mio figlio, avvilito e sconsolato per la decisione presa dal governo Monti: “Ma che avvenire ci aspetta a noi giovani, se invece di aprirvi a speranze di ripresa futura vi fossilizzate tutti in grette posizioni rinunciatarie e pessimistiche? Ma allora, a che servono i sacrifici che ci stanno imponendo, se la prospettiva resta così fortemente negativa anche per i prossimi 8 anni? Se non c’è alcuna speranza di miglioramento, continueranno a diminuire i posti di lavoro e ad aumentare le tasse? Ok, Roma è piena di esempi negativi (metro C, opere per i mondiali di nuoto 2009, crisi da nevicata, ecc.), ma non si può essere più ottimisti per il futuro, facendo tesoro delle suddette esperienze? E non veniteci a dire che pure questa decisione è stata imposta dall’Europa, altrimenti perché Madrid manterrebbe la sua candidatura? La Spagna sta meglio di noi? Non è che sta investendo sul suo futuro assai meglio di noi?”. Mi ha convinto, mi ha fatto pentire di quanto avevo scritto prima. Ma forse, la vera ragione perché l’avevo scritto era che, tanto, quasi certamente nel 2020 io non ci sarò più…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi