cerca

Ho poche idee, ma molto ben confuse

14 Febbraio 2012 alle 11:30

Per quanto ci si sforzi d’essere fantasiosi, maliziosi e valutare i vari accadimenti con formula dubitativa, viene difficile comprendere l’attuale situazione delle imposizioni restrittive del “Potere Centrale Europeo” verso alcuni stati, e in questo momento verso la Grecia che rivolge, per conseguenza, al Popolo Greco determinando ciò che si vede. Ciò al fine d’ottenere dal “Potere Centrale ormai definitosi” un prestito per risanare le casse e, per contro: Francia e Germania vendono armi leggere e pesanti, per miliardi di euro. Non si comprende bene verso cosa stia spingendo questa misteriosa “forza europea e non solo”. Ciò che risulta evidente è il paradosso dei tagli ed imposizioni fiscali e la spesa per gli armamenti che possono lasciare ampio spazio di giudizio. Personalmente ritengo che ci sia una volontà anche da parte delle agenzie di valutazione, di accendere qualcosa… che, nonostante il freddo pungente, non è certo un caminetto. Chi è credente, come me e di qualunque appartenenza religiosa, forse è il caso che preghi per la riscoperta delle coscienze obnubilate dalla sete di potere e denaro di coloro che giocano con le Vite di gente che subisce e che, rappresentando la loro disperazione, si pone dalla parte del torto, siccome così la pensano i “puri”; stupendosi del fatto che se annulli la persona, forse questa ha almeno il diritto di rappresentarne la divergenza; oppure siamo al punto che si deve subire e stare zitti per salvare euro ed Europa?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi