cerca

Monti e l'ingiustizia nelle carceri

10 Febbraio 2012 alle 11:00

Sbaglia la Santanchè a dire che sul governo Monti ha cambiato idea; io credo che questo governo spinge molti al cambio di umore. Il cambio d’idea è molto più impegnativo. Tassare alla cieca spinge al cattivo umore, mentre riformare la giustizia con la responsabilità civile dei magistrati, porta al buon umore. Così il decreto “svuota carceri” spinge all’umore più nero. Perchè nella sua “giustezza” resta operativamente incomprensibile. Come può, com’è possibile pensare di “liberare” i condannati in via definitiva e lasciare dietro le sbarre chi ancora teoricamente è innocente? Perchè (ma ci voleva uno scienziato per capirlo?), non si è iniziato con l’applicazione della decenza della costituzione e rimandare anche in libertà limitata, ma fuori dal carcere chi è ancora in attesa di processo, quindi di giudizio definitivo specie se detenuto per reati non molto gravi? Perchè un colossale pasticcio che ai più rimane incomprensibile?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi