cerca

Responsabilità civile dei magistrati: finalmente la legge diventa uguale per tutti

3 Febbraio 2012 alle 11:15

La Camera ha ieri votato un articolo che recita: “Chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento giudiziario posto in essere dal magistrato in violazione manifesta del diritto o con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni, ovvero per diniego di giustizia può agire contro lo Stato e contro il soggetto riconosciuto colpevole per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e anche di quelli non patrimoniali che derivino da privazione della libertà personale”. L’ANM ha immediatamente tuonato parlando di “mostruosità giuridica” e di “norma contraria alla Costituzione ed al buon senso”. Quanto alla Costituzione mi chiedo è forse questa norma è forse contraria all’art. 3 (“Tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge”) o all’art. 28 (“I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti”)? Quanto al buon senso, ricordo che il buon senso lo dimostrò la stragrande maggioranza degli Italiani quando, nel 1987, con l'80,20 per cento dei SI, votò a favore della responsabilità civile dei magistrati nel referendum promosso dai Radicali. Eppure l’ANM osa parlare addirittura di mostruosità giuridica dimenticando che, in ogni caso, a differenza di tutti gli altri cittadini chiamati a rispondere civilmente della loro negligenza (medici, ingegneri, funzionari dello Stato), loro e solo loro, i magistrati, sarebbero comunque giudicati dal “collega della porta accanto” cioè della Corte d’appello confinante con quella in cui prestano servizio. Magari dal vecchio compagno di concorso o dal collega con cui hanno lavorato gomito a gomito soltanto qualche mese prima. A questo punto viene da chiedersi: se i magistrati hanno tanta paura di farsi giudicare dai loro colleghi, quanto terrore devono avere i comuni cittadini di farsi giudicare dai magistrati?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi