cerca

Quale memoria?

27 Gennaio 2012 alle 18:45

Ricordo che durante l’intervallo della proiezione del film Schindler’s list, una signora vicina guardò l’ora e disse al marito “è presto, sono solo le nove. Dopo andiamo al thailandese”. Credo che quella signora abbia dipinto bene quello che ribadisce Rosenfeld - altri studiosi lo hanno affermato in passato, forse in modo più grossolano – cioè quanto la commemorazione dell’Olocausto e le derive della sua spettacolarizzazione possano diventare un potente anestetico. O addirittura fomentare il rigetto per saturazione. Credo che le generazioni incolpevoli di quell’orrore, soprattutto le più giovani, non accettino facilmente di farsi carico di una memoria mortifera e mortificante, che, per tramandarsi, dovrebbe scomodare categorie ben più insidiose rispetto a quelle della politica e della storia. Personalmente, ho trovato un antidoto alla retorica celebrativa. Quando vado in posti nuovi, mi capita spesso, o forse è il desiderio inconscio di trovare radici perdute, di incrociare luoghi che siano testimonianza viva della presenza ebraica. Viva, appunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi