cerca

I forcaioli

26 Gennaio 2012 alle 08:45

Non per verità, ma per vendetta. Non per giustizia, ma per rivalsa. Questo è ciò che muove i “forcaioli” di professione. Sono coloro che sopravvivono provocando o approfittando delle disgrazie altrui e i loro trenta denari sono il frutto delle azioni che propongono contro chiunque abbia la sfortuna di attirarli. Si riconoscono per la loro intransigenza, quasi fossero parte di una ristrettissima casta di puri a cui, e solo a loro, è permesso di lanciare la prima pietra. E si occupano solo di coloro che sono al centro di casi eclatanti e su cui vomitano sentenze spesso senza avere neanche conoscenza degli argomenti di cui trattano. Ammetto che mi fanno paura. Possono distruggere chiunque, irrimediabilmente, solo perchè hanno accesso ai talk-show e sono preparati ad essere efficaci nello sfruttare quei pochi minuti di trasmissione. Colpire e scappare: tattica di guerriglia di una guerra che non è la loro. Mi fanno paura. Loro sono spettacolo, chi è oggetto delle loro attenzioni è la realtà. “In prigione! In prigione”: diffidate di chi lo grida con veemenza e lo rivendica per gli altri. Brutta gente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi