cerca

L’onore perduto – l’Italia si arrangi

18 Gennaio 2012 alle 11:15

Un Radio Londra da incorniciare ieri sera – una bella lezione da Maestro Perboni. La locuzione di Bertold Brecht “sfortunato quel popolo che ha bisogno di eroi” e che Ferrara priva della ‘s’ iniziale simboleggia l’abisso culturale tra due modi di intendere l’onore: l’italiano ha bisogno di ergerlo ad esempio affinché la memoria (corta) lo ricordi a ciascun italiano; il tedesco al contrario ce l’ha nel Dna e quando lo perde è l’intera nazione a sentirsi sconfitta. Per quanto poi possa apparire duro il comunicato di Wolfgang Franz ‘arrangiatevi’ ha il merito di parlare senza essere travisato. O cambiamo noi o è meglio metterci una pietra sopra all’Europa delle nazioni. A questo punto l’unica strada aperta è un’Europa dei popoli, sempre che non finisca prima nel sangue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi