cerca

Il "meno peggio" non esiste

11 Gennaio 2012 alle 14:15

Sono anni che gli italiani dicono che nel segreto del seggio si tappano il naso e votano il "meno peggio" ed i risulti sono evidenti a tutti. Le prossime elezioni non sono vicinissime, purtroppo, ma oggi mi dico che il "meno peggio" non esiste tutti i partiti nel loro piccolo rappresentano il peggio della politica e dell’Italia. La sinistra rincorre se stessa nel rincorrere i duri della Cgil e fa di tutto per lasciare il paese nella palude entro il quale l’hanno infilato. Il "centro" come al solito a posizioni qualunquiste che sembrano andare bene in ogni stagione e che non hanno mai portato nulla di buono. A destra sotto sotto lavorano affinché non si liberalizzi nulla e tutti appassionatamente per i loro giochi decidono che la libertà di una persona non conta nulla e sono disposti a metterla in galera basandosi solo su voci senza uno straccio di prova, da questa posizione si discosta il PdL ma credo che non sia per amore della giustizia e della libertà. In una situazione simile andare a votare è come prendere il biglietto del Super Enalotto, sai che perderai ma visto che una possibilità di vincere su qualche milione c'è perché non provarci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi