cerca

"Exorcising von Havenstein’s ghost"

10 Gennaio 2012 alle 19:00

Dopo la crisi del 1929 e il ritiro dei capitali statunitensi del 1930, la Reichsbank lasciò i tassi d'interesse alti, per paura di subire la stessa iperinflazione di dieci anni prima. Ma nonostante una Reichsbank difensore della moneta forte, nel 1933 la disoccupazione salì al 33%. Forse conveniva avere più inflazione e meno disoccupazione. Oggi la Germania ha un tasso basso di disoccupazione, ma questo non è dovuto solo al fatto di avere i conti in ordine; è soprattutto perchè cresce, grazie all’export. La Merkel dovrebbe capire che alla Germania non conviene avere partner europei in recessione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi