cerca

Dalle nazioni agli imperi

4 Gennaio 2012 alle 17:30

Perché non si può applicare agli stati quello che la Fed ha fatto con le banche? Perché gli stati possono fallire e le banche no. Il sistema finanziario è il vero impero sovranazionale; se crolla esso è l’apocalisse, mentre se gli stati falliscono vengono incistati nella sorveglianza dei poteri dominanti e se sono periferici e politicamente irrilevanti come ora la Grecia e l’Italia possono essere abbandonati al loro destino. La cosa non sarebbe successa se ci trovassimo ancora nella guerra fredda, se è vero che entrambi queste nazioni furono al tempo economicamente sostenute, mentre ora in America i candidati si disputano le elezioni sulla promessa di non dare un dollaro all’Italia e ai paesi dell’Europa in crisi. In Italia non si è avvertito che il governo Monti segna uno spartiacque storico della politica, che è divenuta ininfluente, inefficace e forse una remora allo sviluppo economico dei popoli. Alle prossime elezioni i partiti che sostengono Monti scompariranno dalla scena politica, la rappresentanza sarà raccolta da altre e ancora non individuate formazioni, sic transit gloria mundi. Quelli su cui cade il colpo fatale sono gli ultimi ad avvedersene, è questa l’astuzia della storia, che rende gli eventi imprevedibili alla perscrutazione dei dotti e degli intelligenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi