cerca

Ar chas doñv yelo da ouez

4 Gennaio 2012 alle 12:30

A proposito di terrorismo ed Equitalia, Grillo ha torto, con un "se" e con un "ma"... Il "se": Grillo non ha torto se il suo commento era un mero invito a capire, non a giustificare. Ehud Barak, ad esempio, nel pieno della seconda intifada ha detto che capiva le motivazioni dei terroristi palestinesi e che forse anche lui stesso, se fosse stato palestinese, sarebbe diventato un terrorista. Ma che questa comprensione non era affatto una giustificazione e non modificava la sua determinazione a combattere il terrorismo. Il "ma": Grillo ha torto, ma quanti tra quelli che oggi lo rimproverano aspramente hanno giuocato nel passato (recente) a spingersi fino ed oltre il confine che separa il tentativo di capire e quello di giustificare i terroristi (palestinesi e non)? Quanti trent'anni fa hanno firmato manifesti in cui ci si dichiarava "Né con le BR né con lo Stato"? E infine: forse è il caso perlomeno di domandarsi se nel futuro anche le persone più miti non diventeranno selvagge e cosa dovremo fare per evitarlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi