cerca

L'unico pregio

31 Dicembre 2011 alle 20:00

L'unico pregio del Governo Monti, per come è stato istituito e per come espleta le sue funzioni, è di avere disvelato la realtà dei fatti: la democrazia e le elezioni, suo rituale corollario, non sono che simulacri, trompe l'oeil che mascherano la più feroce, improvvida, subdola delle oligarchie. Con quale improntitudine Napoletano, in un grottesco tentativo di salvare le apparenze democratiche, ha nominato Senatore a vita il Liquidatore Monti, un Terminator sociale mandato dal Mondo delle Macchine, poche ore prima di intronarlo come Capo del Governo! E con quale solerzia i nostri parlamentari, che il governo dovrebbero esprimere e controllare, si sono irrigiditi sull'attenti, pronti a votare qualsiasi provvedimento l'espressione degli Autocrati avesse presentato loro. Mentre i capi di schieramenti fino ad un minuto prima irriducibilmente avversari, si sono inchinati all'unisono di fronte alla versione nostrana del Caro Leader, con ciò mostrandosi per quei burattini eterodiretti che sono. Ai comuni cittadini non resta che la scelta se continuare a credere, oltre ogni ragionevole prova del contrario,che la conduzione della cosa pubblica sia, anche se solo parzialmente, ancora nella loro disponibilità, oppure riconoscere l'inganno e vedersi quali sono: schiavi produttori di reddito altrui, asserviti ad istituzioni che hanno altri padroni ed a cui, del loro benessere, o anche solo della loro sopravvivenza, importa assai meno che ad un allevatore del suo bestiame.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi