cerca

Spesso gli inquisitori si comportano peggio dei loro inquisiti

30 Dicembre 2011 alle 12:30

Ad esempio che dire di questi magistrati di Cremona che utilizzano la galera per estorcere delazioni e confessioni dagli indagati, nonostante il legislatore sia dovuto intervenire nel 1995 per specificare che "Le situazioni di concreto ed attuale pericolo (che giustificano la carcerazione preventiva, nds) non possono essere individuate nel rifiuto della persona sottoposta alle indagini o dell'imputato di rendere dichiarazioni né nella mancata ammissione degli addebiti" (art 274 cpp) Norma, come si vede, clamorosamente violata da chi dovrebbe applicarla se, lo stesso Gip, in preda a delirio di onnipotenza e perduto ogni residuo pudore, nelle sue ordinanze libera gli indagati che "collaborano" e lascia in carcere chi "non parla"! Insomma, la sensazione è di essere tutti in "libertà provvisoria" (anche dalle intercettazioni).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi