cerca

Noi plagiati dall'euro

30 Dicembre 2011 alle 21:30

La conquista dell'euro..., non ci consente neppure più di dire: "'nciò nà laira!", bei tempi! Continuo a dire, fino a che alito di Vita sarà in me, che non sono gli Italiani che hanno speso al di sopra di quel che potevano, non siamo tutti cretini, è che l'euro ha creato un "casino" incredibile, anche di tipo psicologico, siccome noi avevamo dei parametri di riferimento interni, il pane, il caffè, lo stipendio, ecc..., che l'euro, moneta finta utile ai giochi di società ha distrutto; valore dei soldini intasca dimezzato ed i furbacchioni che potevano, ne hanno anche approfittato. In aggiunta, abbiamo vinto anche la globalizzazione, cos'altro dovevamo pensare o meglio, cos'altro dovevano pensare i capoccioni per distruggere un Paese meraviglioso come l'Italia, dall'estremo nord, alla punta più a sud dello stivale. Quali stategie sono state attuate dall'euro in avanti per combattere la concorrenza straniera o la delocalizzazione?! Tanto paghiamo noi; sarebbe interessante saper come sono impegnate le tante trattenute che vengono sottratte dallo stipendio e che, nella pesnione, sono di poco inferiori. Mi chiedo, se con lo stipendio pagavamo le pensioni, i pensionati, cosa accidenti pagano? Il soggiorno all'Altro Mondo dei Defunti?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi