cerca

Le statistiche a lungo termine

30 Dicembre 2011 alle 07:30

L'Istat, in attesa dei dati sul censimento decennale dell'ottobre 2011,si perita di farci conoscere statistiche di prospettiva, in questo caso riferite all'Italia del 2065. Il quadro è desolante con la forza lavoro che cala in alta percentuale, con gli stranieri che saranno uno su quattro e con i soliti 65 enni in esubero, per i quali è in ettesa un editto di fucilazione. Nel frattempo siamo in attesa della "fase due" del governo Monti, tra atti dovuti e voluti. La speranza è che veramente si affrontino i problemi dell'Italia e si finisca di essere ripetitivi sulle cose da fare e poi non farle. Tra queste metterei i prima fila la questione occupazionale con tutte le riforme da fare, comprese le abolizioni dei vari ordini, anche se vedo già i "pianti"per la possibile cancellazione dell'albo dei pibblicisti, riferiti ai giornalisti, con i professionisti che gongolano. In realtà per scrivere, una volta in possesso di un contratto, non c'è bisogno dell'appartenenza ad un ordine. Lo comprenderanno le lobby dei vari ordini che imperversano in Italia?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi