cerca

I Magi erano Ariani, il Dio semita

30 Dicembre 2011 alle 13:30

Dispiace polemizzare con Bandinelli, soprattutto dopo la sua mirabile "Natività" laica. Tuttavia mi è sembrata un'inutile polemica antileghista (a che serve?) affermare che uno dei Re magi fosse nero, tarda tradizione popolare, storicamente assai improbabile. I sapienti erano, dicono la gran parte degli esegeti, iranici: così ariani da far impallidire Casapound. Il nodo semmai è questo: aristocratici ariani adorarono un bimbo semita. Segno dell'universalità del Cristianesimo, che Paolo teorizzò nelle sue lettere? Prodromo della conversione dei Gojm, che portò Greci e Latini a lasciare le loro divinità un po' consunte per un Dio semita? La storia fa strani percorsi. Segnalo che i Russi amano credere che Cristo attraversi di notte le sterminate pianure sarmatiche, gli Americani che sia loro la Nuova Città costruita sulla collina. Voglio dire: si possono salvare le identità, e inchinarsi al Logos fattosi carne. E lasciar perdere i luoghi comuni del politicamente corretto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi