cerca

Spatrimonializzare la patrimoniale

28 Dicembre 2011 alle 17:15

Non vorrei darmi delle arie economicistiche, ma l’argomentazione di “Radio Londra” di ieri sera – S-PATRIMONIALIZZARE – , mi sembra quanto di meglio l’intelligenza economica possa offrirci come menu consumistico represso dall’esosità fiscale impoverita della spesa. Non si può coartare il consumatore gravandolo di salassati balzelli e pretendere nello stesso tempo che il mercato non cada in recessione. Se manca il denaro (sottratto “autoritariamente” alla disponibilità del possessore), con quale moneta si può sostenere il mercato che langue in miseria? Questa da un lato, dall’altra: dumping. Pratica commerciale consistente nel vendere un determinato prodotto sui mercati esteri a prezzi inferiori a quelli praticati sul mercato interno. È il caso della Cina e del Sud Est asiatico. Miliardi di uomini lavoratori inondano il nostro mercato di prodotti poveri o sofisticati e le nostre capacità lavorative debbono vedersela anche con una produzione interna che scarseggia e con la produzione cinese svenduta a prezzi stracciati. Il supersfruttamento delle braccia cinesi ci mette KO e siamo in condizioni produttive cachettiche. Come uscirne? Mah! Il fatto è che ciascuno se la canta a tono e ognuno di noi pretenderebbe di togliere le castagne dal fuoco con le dita degli altri. In primis dovremmo difenderci rifiutando di acquistare la produzione in “dumping”, il resto verrebbe per necessità di cose. Non so che dire, la nostra necessità consumistica è capace anche di evirarsi pur di satollarsi a poco prezzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi