cerca

Aumento immigrati = possibile crisi sociale

21 Dicembre 2011 alle 18:00

La Lega ha scelto di rimanere all'opposizione di fronte al governo Monti e che opposizione sia. Dovrà essere un'opposizione seria, severa e coraggiosa perché in minoranza e per avere più voce in capitolo. Un buon inizio è stato quello in occasione di un convegno organizzato al Circolo della Stampa dall'europarlamentare Fiorello Provera sul tema immigrazione dove Roberto Maroni ha lanciato il suo invito al premier Monti a bloccare i flussi migratori per il 2012, considerato il momento di crisi che mette a rischio il posto di lavoro di migliaia di lavoratori. Maroni parla di possibile crisi sociale se non si rimpatriano i clandestini e se si lascia che una Milano, simbolo produttivo italiano, diventi piena di quartieri ghetto. Senza contare che attualmente l'Italia si dimostra in crisi e debole per poter garantire piena sicurezza, protezione e ricchezza agli italiani. Come possiamo immaginare di poter garantire al contempo una corretta accoglienza agli stranieri? Pertanto la voce forte della Lega che esorta il governo a non permettere l'ingresso da nessun Paese per evitare una "pericolosa reazione sociale" è più che legittima e sarebbe opportuno che si facesse sentire sempre di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi