cerca

La madre di tutti i mali

19 Dicembre 2011 alle 17:30

E' illusorio pensare che l'attuale sospensione della politica possa portare di per sè alla soluzione dei problemi del paese. Il governo è francamente di modesto spessore e per di più tende a far politica, di modesto cabotaggio, in conto terzi, non escluse le lobby che lo esprimono. Il dibattito langue su problemi di retroguardia e non sfiora quasi minimamente la madre di tutti i problemi italiani: l'eccesso di spesa pubblica corrente. Possiamo fare tutte le riforme che vogliamo del mercato del lavoro, delle liberalizzazioni o di quant'altro ma se non si riduce la spesa pubblica scivoleremo progressivamente fuori mercato. Non subito, non contemporaneamnete tutte le imprese, ma alla fine il sistema paese ne sarà soffocato. Ci si potrà mettere una pezza con un recupero di produttività o vendendo parte del patrimonio pubblico ma il macigno sarà sempre lì. Si dovranno cancellare micro e macro sprechi e privilegi ma non sarà sufficiente: vista la composizione della spesa corrente bisognerà intervenire sul monte stipendi del pubblico impiego. Ma la messa in mobilità o in libertà di decine di migliaia di dipendenti pubblici non è cosa che possa fare un governo come quello attuale. La politica deve tornare a volare alto e prendersi le sue responsabilità, anche in un paese tanto ideologico quanto sensibile alle sirene del populismo com'è il nostro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi